Corriere della Sera, un libro racconta il mito "Vacanze di Natale".

01.12.2020

Esistono i film generazionali, quelli che in breve tempo non lasciano più tracce e quelli il cui valore si comprende solo parecchi lustri dopo. Poi ci sono i film immortali, che uniscono intere generazioni e non necessariamente si tratta di capolavori da Oscar. Uno di questi, almeno «Da Trieste in giù» è sicuramente Vacanze di Natale '83, il primo di una saga infinita. Gianluca Cherubini, dopo «Siamo tutti Compagni di scuola», ha continuato il filone delle celebrazioni Anni '80 con "E anche questo Natale...", il suo nuovo libro in uscita giovedì 26 novembre, che già dal titolo promette di svelare testimonianze, curiosità e aneddoti che si celano dietro tutti gli innumerevoli «evergreen» del film. Un omaggio a un film che si avvia a compiere 40 anni ma che non invecchia mai e tuttavia, avverte l'autore, «guai a chiamarlo cinepanettone».

Cherubini, per il suo lavoro, si è avvalso di collaborazioni d'eccellenza: dall'introduzione del produttore del film, Aurelio De Laurentiis, alla prefazione «straordinaria» di Enrico Vanzina che ricorda la regia del fratello Carlo, fino ovviamente alle interviste dei protagonisti, Jerry Calà e Christian De Sica su tutti. Con una chicca: «Per i veri appassionati posso svelare che siamo riusciti a rintracciare persino, Asuncion, l'indimenticabile governante dei Covelli». Dopo «Siamo tutti Compagni di scuola», cult di Verdoniana memoria, «sono rimasto quindi negli Anni '80, tornando indietro di qualche anno - ha detto Cherubini durante una videointervista con l'agenzia Dire - per raccontare questo film da molti considerato leggendario». Un ricordo nostalgico di una comicità per certi versi irripetibile e che non badava troppo al politically correct ma allo stesso tempo un prodotto che guarda al futuro e alle nuove tecnologie: «Ormai possiamo iniziare a parlare di libri interattivi, "E anche questo Natale..." è uno di quelli - ha aggiunto lo scrittore -. Avvicinando lo smartphone al QR code sul retro infatti si può ascoltare la colonna sonora del film direttamente da Spotify, oltre alla celebre frase di Riccardo Garrone che ha dato il titolo al libro». Un libro alla portata di tutti, economico, da oggi disponibile in tutte le librerie d'Italia oltre che sulle piattaforme online e sul sito della casa editrice «Bibliotheka edizioni». «Carino, leggero e spensierato: ideale in un periodo difficile come questo e un'ottima soluzione per i regali di Natale», aspettando il momento in cui anche quest'anno potremo parafrasare l'amato avvocato Covelli...

Corriere della Sera